• SMART WORKING E LAVORATORI DISABILI, QUARANTENA, ASSISTENZA AI FAMILIARI LEGGE 104/92, CONGEDI PARENTALI, AMMORTIZZATORI SOCIALI ORDINARI O IN DEROGA E PREMIO DIPENDENTI

    25 Marzo 2020
    SMART WORKING E LAVORATORI DISABILI
    consulenti-lavoro-torino

    Nel DPCM dell’11 marzo 2020, si raccomanda venga attuato il massimo utilizzo, da parte delle imprese, di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o a distanza. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti disabili o dipendenti che abbiano nel proprio nucleo familiare un familiare disabile, con il Decreto legge del 17 marzo 2020, n. 18, gli stessi hanno diritto di svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile, a condizione essa sia compatibile con le caratteristiche della prestazione. Ai lavoratori del settore privato con ridotta capacità lavorativa è riconosciuta la priorità nell’accoglimento delle istanze di svolgimento delle prestazioni lavorative in modalità agile svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza.

     

    QUARANTENA

    consulenti-lavoro-torino

    I lavoratori del settore privato che sono stati sottoposti in quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria sono da considerarsi in malattia ai fini del trattamento economico (supportata da certificazione) e la malattia non è computabile ai fini del comporto.

     

    ASSISTENZA AI FAMILIARI LEGGE 104/92

    consulenti-lavoro-torino

    Incremento di 12 giornate fruibili nel mese di marzo e aprile 2020.

     

    CONGEDI PARENTALI

    consulenti-lavoro-torino

    Per assistenza ai figli di età inferiore ai 12 anni con retribuzione ridotta al 50% salvo richiesta, in alternativa, di indennità per servizi di baby-sitting. Lo stesso vale per i figli disabili, senza limite di età, purché iscritti a scuole di ogni ordine e grado o a centri assistenziali.

     

    AMMORTIZZATORI SOCIALI ORDINARI O IN DEROGA

    consulenti-lavoro-torino

    A seconda del settore di appartenenza dell’impresa, i datori di lavoro  possono fare ricorso alla cig ordinaria o in deroga. Il ricorso agli ammortizzatori sociali avviene previo presentazione di apposita domanda attraverso i siti dell’Inps o della Regione, secondo le modalità dettate dai decreti o dagli accordi regionali.

     

    PREMIO DIPENDENTI

    consulenti-lavoro-torino

    A favore dei dipendenti che hanno continuato e continuano a prestare servizio nella propria sede lavorativa di appartenenza durante il mese di marzo 2020 verrà erogato un premio di 100 euro ragguagliato al numero di giorni di lavoro svolti. Il premio non concorre alla formazione del reddito imponibile e verrà corrisposto nel mese di aprile e comunque entro il termine di effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno.

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • F24 – NOVITÀ DAL 01.01.2020, REGISTRO INFORTUNI, ORARIO DI LAVORO E RIPOSI GIORNALIERI

    27 Gennaio 2020
    F24 – NOVITÀ DAL 01.01.2020
    consulenti-lavoro-torino

    I sostituti d’imposta e i contribuenti che presentano l’F24 con compensazione devono farlo attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate oppure tramite un intermediario abilitato (consulente del lavoro, commercialista, etc.).

     

    REGISTRO INFORTUNI

    consulenti-lavoro-torino

    I registri infortuni presenti in azienda possono essere eliminati in quanto ormai decorsi i quattro anni dall’abrogazione della tenuta delle scritture sul registro e messa a disposizione ai soli fini del controllo degli Ispettori di vigilanza. Si ricorda che, per la consultazione degli infortuni occorsi in azienda, l’Inail ha reso disponibile il sistema telematico “cruscotto infortuni” che viene aggiornato dalla comunicazione di infortunio o dalla denuncia di infortunio o malattia professionale inviata dall’azienda.

     

    ORARIO DI LAVORO E RIPOSI GIORNALIERI

    consulenti-lavoro-torino

    Si ricorda che i dipendenti possono effettuare orario di lavoro fino a 13 ore giornaliere tra orario normale e straordinario. Il lavoratore ha diritto pertanto a un minimo di 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore calcolate dall’ora di inizio della prestazione lavorativa, fatti salvi accordi per riposi maggiori, mai minori. Al di là dell’applicazione delle sanzioni per il mancato rispetto del diritto di cui sopra, la violazione dei termini di fruizione dei riposi giornalieri e settimanali, se inerente un numero di lavoratori pari almeno al 20% della manodopera regolarmente impiegata, comporta la sospensione della regolarità contributiva per un periodo di tre mesi.

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • PROSPETTO DISABILI, LAVORATORI SOMMINISTRATI, FRINGE BENEFIT, BUONI PASTO E OT24 ora OT23

    20 Gennaio 2020

    PROSPETTO DISABILI

    consulenti-lavoro-torino

    Sono attive le procedure per l’invio telematico del prospetto disabili che, come ogni anno, riguarda le aziende private e pubbliche che occupano più di 15 dipendenti e che hanno modificato la situazione occupazionale al 31.12.2019, rispetto agli obblighi di assunzione di personale disabile. L’invio è previsto ENTRO IL 31.01.2020 salvo proroghe a tutt’oggi non comunicate.

     

    LAVORATORI SOMMINISTRATI

    consulenti-lavoro-torino

    Entro il 31 gennaio 2020 le imprese che hanno utilizzato nel 2019 lavoratori somministrati da parte di Agenzie interinali sono tenute a comunicare alle rappresentanze sindacali aziendali ovvero alla rappresentanza sindacale unitaria o, in mancanza, agli Organismi territoriali di categoria delle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, i seguenti dati:
    – il numero di contratti di somministrazione conclusi;
    – la durata di tali contratti;
    – il numero e la qualifica dei lavoratori interessati.
    Si ricorda che il mancato o non corretto assolvimento dell’obbligo di comunicazione è soggetto a una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 250 ad euro 1.250.

     

    FRINGE BENEFIT

    consulenti-lavoro-torino

    Sono state pubblicate le nuove tabelle ACI utilizzate da aziende e Pubbliche Amministrazioni per calcolare il rimborso da corrispondere ai propri dipendenti qualora utilizzino l’auto privata per svolgere l’attività lavorativa, o aziendale data in concessione d’uso.
    La Legge di Bilancio 2020 cambia la tassazione sulle auto aziendali, le tabelle sono sdoppiate: le prime riportano i valori per il fringe benefit validi fino al 30 giugno 2020; le seconde, invece, sono valide dal 1° luglio 2020 in poi; da tale data entreranno in vigore le nuove regole di tassazione delle auto aziendali concesse in uso promiscuo, con una penalizzazione per i veicoli maggiormente inquinanti.

     

    BUONI PASTO

    consulenti-lavoro-torino

    Dal 01 gennaio 2020 varia la soglia di esenzione dei buoni pasto a seconda della modalità di gestione, cartacea o elettronica. Per i buoni pasto relativi al 2019 ed erogati ai dipendenti entro il 12 gennaio 2020 vale il cosiddetto “principio di cassa allargato”, in virtù del quale si ritengono applicabili i vecchi limiti pari rispettivamente a 5,29 e a 7 euro.

     

    OT24 ora OT23

    consulenti-lavoro-torino

    Le aziende che hanno effettuato interventi migliorativi delle condizioni di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro nel 2019, possono richiedere la riduzione del tasso medio di tariffa INAIL. La domanda di riduzione può essere richiesta a prescindere dall’anzianità dell’attività lavorativa e va inoltrata telematicamente entro il 29 febbraio 2020.

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

    Continua a leggere
  • SERVIZIO DI CONSULTAZIONE FATTURE ELETTRONICHE, ACCONTO IVA 2019 E REGISTRATORE DI CASSA

    10 Dicembre 2019

    SERVIZIO DI CONSULTAZIONE FATTURE ELETTRONICHE

    consulenti-lavoro-torino

    Con l’art. 1 del D.Lgs. 05/08/2015 N. 127 è stata istituita la disciplina della fatturazione elettronica e della trasmissione telematica delle fatture e dei relativi dati;
    in seguito, la Legge 27/12/2017 n. 205 (legge di Bilancio 2018) ha stabilito a far data dal 01/01/2019, l’obbligo della fatturazione elettronica, per cessioni di beni e prestazioni di servizi, attraverso il Sistema di Interscambio gestito dall’Agenzia delle entrate (SdI);
    il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 30/04/2018, modificato dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 21/12/2018, ha definito le regole tecniche per emissione e ricezione delle fatture elettroniche per cessioni di beni e prestazioni di servizi attraverso il sistema SdI;
    il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 05/11/2018, modificato dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 21/12/2018, ha regolato le modalità per il conferimento e/o delega per l’utilizzo di detti servizi;
    a seguito di tutto ciò, l’Agenzia delle entrate ha predisposto un servizio di consultazione e acquisizione dei file di fatture elettroniche emesse e ricevute a mezzo del sistema SdI, che è fruibile tramite un’apposita adesione.
    Aderendo al servizio si ha la possibilità di consultare e scaricare i file delle fatture per un periodo di otto anni e fino al termine di eventuali procedure di contenzioso, mentre senza l’adesione le fatture sarebbero disponibili solamente fino al momento dell’avvenuta consegna delle stesse.
    L’adesione al servizio è possibile solamente fino al 20/12/2019, dopodiché, se l’adesione non ha luogo, si perde la possibilità di consultazione e scarico dei file.
    Si ricorda pertanto a tutti coloro che non usufruiscono del servizio fatture SMART predisposto dallo Studio Cogno e provvedono da sé o tramite servizi di terzi all’emissione delle fatture elettroniche, di provvedere tempestivamente all’adesione al servizio dell’Agenzia delle entrate.

     

    ACCONTO IVA 2019

    consulenti-lavoro-torino

    L’articolo 6, comma 2, della Legge 405/90, e successive integrazioni e modificazioni, stabilisce che entro il 27/12 di ciascun anno occorre versare un acconto pari all’88% del versamento IVA del mese di dicembre, se mensili, della dichiarazione annuale se trimestrali ordinari, del quarto trimestre se trimestrali speciali (autotrasportatori, distributori di carburanti somministrazione di gas, energia elettrica, ecc.).
    Le modalità di calcolo di detto acconto sono tre:
    METODO STORICO: il versamento è dell’88% di quello che era il debito del dicembre dell’anno precedente se mensili, della dichiarazione annuale se trimestrali ordinari, del quarto trimestre se trimestrali ordinari.
    METODO PREVISIONALE: il versamento è dell’88% sull’IVA che si ritiene di dover versare per il mese di dicembre se mensili, sulla dichiarazione annuale se trimestrali ordinari, sul quarto trimestre se trimestrali speciali.
    METODO ANALITICO: il versamento è del 100% dell’IVA che risulta a debito con una liquidazione apposita sulle operazioni registrate risultanti dal registro delle fatture emesse o dei corrispettivi dal 1° al 20 dicembre se mensili, dal 1° ottobre al 20 dicembre se trimestrali; sulle operazioni effettuate anche se non ancora registrate o fatturate dal 1° novembre al 20 dicembre; operazioni annotate sul registro acquisti dal 1° al 20 dicembre se mensili, dal 1° ottobre al 20 dicembre se trimestrali.
    Si rammenta che il versamento minimo è di € 103,29, al di sotto del quale non vi è obbligo.

     

    REGISTRATORE DI CASSA

    consulenti-lavoro-torino

    Lo scontrino di cassa telematico, e cioè con i dati dello scontrino inviati direttamente all’Agenzia delle entrate, è già entrato in vigore dal 01/07/2019 per i soggetti con ricavi oltre gli € 400.000,00 annui, entrerà in vigore dal 01/01/2020 per tutti gli altri soggetti. Si tratta in sostanza dell’invio all’Agenzia delle entrate per via telematica dello scontrino che si rilasciava ai clienti, (avviene una trasmissione per ogni scontrino battuto), con indicazione degli identificativi fiscali di chi lo emette e di chi lo riceve, data, importo, e tutto ciò che compariva sullo scontrino. Al cliente verrà invece rilasciato un “documento commerciale” senza valore fiscale ma valido per la garanzia.
    Per iniziare la nuova procedura occorre registrarsi sul sito dell’Agenzia delle entrate, nella propria area riservata con accesso da fatture e corrispettivi o delegando terzi l’incombenza; la legge prevede dodici giorni per la trasmissione dei corrispettivi (ad esempio l’incasso del giorno 03/01/2020 sarà da comunicare entro il 15/01/2020), sanzioni da € 500,00 a € 2.000,00 se manca il codice fiscale del consumatore o non viene effettuata la trasmissione.
    È possibile acquistare un registratore di cassa nuovo, ed in questo caso si avrà diritto ad un credito di imposta commisurato al 50% del costo fino ad un massimo di € 250,00; oppure, adattare un registratore già esistente, e in questo caso il credito d’imposta si commisura al costo dell’aggiornamento con un massimo di € 50,00.

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

    Continua a leggere
  • CONGUAGLIO DI FINE ANNO, COMPENSI DI FINE ANNO E SOMME NON EROGATE NEL CORSO DEL 2019 E INAIL

    10 Dicembre 2019

    CONGUAGLIO DI FINE ANNO

    consulenti-lavoro-torino

    Con l’elaborazione del cedolino di dicembre 2019 si ridetermina il reddito complessivo annuo percepito dal dipendente, su quale calcolare l’importo definitivo relativo all’Imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), le addizionali regionali e comunali. Per effetto del conguaglio fiscale si potrebbe verificare una riduzione della retribuzione netta del mese di dicembre a causa delle maggiori imposte dovute oppure un aumento per un credito d’imposta dovuto alle minori imposte da corrispondere all’erario. Restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti in merito.

     

    COMPENSI DI FINE ANNO E SOMME NON EROGATE NEL CORSO DEL 2019

    consulenti-lavoro-torino

    I redditi da lavoro dipendente, ai sensi dell’art. 51 TUIR comma 1, si intendono percepiti nel periodo d’imposta (anno 2019) quando vengano corrisposti entro e non oltre il 12 gennaio dell’anno successivo; la scadenza è posticipata al primo giorno non festivo. Il medesimo principio viene applicato anche ai compensi erogati agli amministratori con rapporto di collaborazione in quanto valori assimilati ai redditi da lavoro dipendente ai sensi dell’art. 50 comma 1 lett. c. bis TUIR.

     

    INAIL

    consulenti-lavoro-torino

    Sulla base delle voci di rischio consolidate nel corso del 2019, sarebbe opportuno valutare per tipologia di attività e mansioni effettivamente svolte dai dipendenti, la coerenza delle voci di tariffa con la reale situazione aziendale, con il conseguente aggiornamento del DVR, ai fini di una possibile riduzione del premio Inail per l’anno 2020 in occasione dell’autoliquidazione.

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

    Continua a leggere