CEDOLARE SECCA AL 21% ANCHE PER CONTRATTI DI LOCAZIONE COMMERCIALE, DIMINUZIONE DEGLI INTERESSI DI MORA PER PAGAMENTO RITARDATO DI SOMME ISCRITTE A RUOLO, ESONERI DALLA TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI, OBBLIGO MEMORIZZAZIONE E TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI GIORNALIERI, INTERVENTI RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO: IL CASO DEGLI EREDI E ANNULLAMENTO DEL 730 DA INVIARE ENTRO IL 20 GIUGNO

12 Giugno 2019
5486 Views

CEDOLARE SECCA AL 21% ANCHE PER CONTRATTI DI LOCAZIONE COMMERCIALE

Il regime opzionale di cedolare secca al 21% per i contratti di locazione si applica anche nei confronti di conduttori che svolgono attività commerciale, come persone fisiche o società, in relazione ad immobili di categoria catastale C/1 (negozi e botteghe). Unica condizione da rispettare è che il locatore deve essere una persona fisica che non opera nell’esercizio di tale attività d’impresa.

DIMINUZIONE DEGLI INTERESSI DI MORA PER PAGAMENTO RITARDATO DI SOMME ISCRITTE A RUOLO

Dal 1° luglio 2019 gli interessi di mora diminuiscono dal 3,01% al 2,68% per chi versa in ritardo gli importi relativi alle cartelle di pagamento oltre i 60 giorni dalla notifica.

ESONERI DALLA TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI

I corrispettivi non vengono inviati telematicamente quando analoga certificazione è fornita mediante registratore di cassa. Inoltre l’esonero si applica anche per: prestazione di trasporto pubblico collettivo di persone per le quali l’obbligo di certificazione si assolve con l’emissione di un biglietto di trasporto, operazioni effettuate a bordo di nave, aereo, treno ma solo se la destinazione è internazionale.

OBBLIGO MEMORIZZAZIONE E TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI GIORNALIERI

Dal 1° luglio 2019 per coloro che hanno un volume d’affari superiore a 400.000 euro annui scatta l’obbligo della memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri. Per tutti gli altri soggetti con volume d’affari inferiore alla suddetta soglia l’obbligo scatta dal 1°gennaio 2020.

INTERVENTI RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO: IL CASO DEGLI EREDI

L’erede dell’avente diritto può continuare a beneficiare della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio solo se conserva la detenzione materiale e diretta dell’immobile, ossia nel caso in cui l’erede assegnatario abbia l’immediata disponibilità del bene potendone disporre liberamente, a prescindere dalla circostanza che lo abbia adibito ad abitazione principale. Se la detenzione dell’immobile è esercitata congiuntamente da più eredi, la detrazione è ripartita tra gli stessi in parti uguali.

ANNULLAMENTO DEL 730 DA INVIARE ENTRO IL 20 GIUGNO

I contribuenti che hanno già inviato il modello 730 per la dichiarazione dei redditi, ma si sono accorti solo dopo di errori ed omissioni hanno tempo fino al 20 giugno per annullarla ed inviarne una nuova. È possibile annullare solo una volta il 730 inviato, tramite apposita sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate: tutti i dati inseriti saranno cancellati e sarà di nuovo disponibile la dichiarazione precompilata proposta dall’Agenzia. Di conseguenza, è necessario trasmetterne una nuova altrimenti la dichiarazione risulterà omessa. Il nuovo 730 può essere inviato solo dopo che sono trascorse 24/48 ore dall’annullamento del precedente.

 

Rimaniamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.