RISTRUTTURAZIONI VARIE E INVIO ALL’ENEA

14 Dicembre 2018
2640 Views
Dal 21/11/2018 sono disponibili sul sito dell’ENEA i moduli relativi alla trasmissione dei dati inerenti gli interventi di recupero edilizio (detrazione fiscale del 50%) che incidono sul risparmio energetico.

Devono essere trasmessi i dati dei lavori ultimati nell’anno 2018 che sono anche volti al risparmio energetico e non per gli altri interventi previsti dalla norma.A titolo di esempio, di seguito alcuni interventi con obbligo di invio all’ENEA:
–   Coibentazioni;
–   Infissi/serramenti;
–   Impianti tecnologici, collettori solari, generatori di calore, pompe di calore, sistemi ibridi, impianti fotovoltaici, caldaie a condensazione, etc.;
–   Acquisto di elettrodomestici (forni, frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici…) legati ai lavori edili.
I dati vanno trasmessi entro 90 giorni dalla data di fine lavori (normalmente coincidente con la data di collaudo).

Visti i tempi lunghi per la pubblicazione online, vengono concessi i seguenti termini:
–  Per gli interventi finiti dal 1°gennaio al 21 novembre 2018, l’invio va fatto entro il 19 febbraio 2019;
–  Per quelli finiti dal 22 novembre in avanti, si contano di volta in volta i 90 giorni.

L’omissione dell’invio dei dati non prevede la decadenza della detrazione.  Sarà possibile rimediare con il versamento di euro 250,00 inviando all’ENEA i dati entro il 31 ottobre 2019.
Un esempio e una precisazione per la sostituzione della caldaia a condensazione (tra i più frequenti):
se la sostituzione della caldaia rientra all’interno di un intervento di ristrutturazione,  incisivo e  complesso e le fatture di esecuzione dei lavori sono inerenti all’insieme dei lavori, la comunicazione all’Enea non è dovuta.

È invece obbligatoria se i lavori vengono fatturati autonomamente dall’acquisto e l’installazione della caldaia. Nel dubbio, si suggerisce l’invio dei dati.

Come sempre, restiamo a Vostra disposizione per ogni ulteriore chiarimento necessario.