• FEBBRAIO 2018 – WELFARE AZIENDALE, IRAP, ACCONTI O ANTICIPI SULLE RETRIBUZIONI, MODELLO CU E 770 ANNO DI IMPOSTA 2017 E LA PENSIONE DELLE CASALINGHE

    20 febbraio 2018

    WELFARE AZIENDALE

    Anche per il 2018 permane la possibilità di erogazione di premi ai dipendenti – esenti da contribuzione e imposizione fiscale – sotto forma di buoni spesa. Con le norme entrate in vigore nell’anno scorso infatti è possibile riconoscere ai dipendenti “in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale” premi che perseguano la finalità di “educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria o culto”. I premi con le caratteristiche di cui sopra, corrisposti in funzione di un regolamento aziendale redatto dall’azienda con la sola accortezza che i benefici siano destinati “alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti e ai familiari”, hanno l’esenzione completa da contributi e imposte.

     

    IRAP

    Con provvedimento n. 24865/2018 del 30/01/2018 l’Agenzia delle Entrate ha approvato il Modello di dichiarazione IRAP 2018 con le relative istruzioni, da utilizzare per la dichiarazione ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive IRAP per l’anno 2017.
    Novità per l’anno 2018 è la piena deducibilità del costo dei lavoratori stagionali.

    ACCONTI O ANTICIPI SULLE RETRIBUZIONI

    Sebbene non esista una norma precisa che obblighi il datore di lavoro a erogare parte della retribuzione prima del compimento del mese, laddove si decidesse di corrispondere quanto richiesto dal dipendente occorre attenersi a procedure corrette. E necessario, infatti, che il lavoratore presenti una richiesta scritta e motivata e che, sia l’anticipazione sia il recupero della retribuzione avvengano nell’ambito del medesimo mese retributivo.
    Si ricorda a tal proposito che, dal prossimo 1 luglio 2018 sarà vietato pagare stipendi o parte di essi in contanti, rendendo obbligatoria la tracciabilità di quanto effettivamente versato.

     

    MODELLO CU E 770 ANNO DI IMPOSTA 2017

    Sono stati pubblicati i modelli definitivi per la certificazione unica (CU 2018) e i modelli definitivi per la dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770 2018). A partire da quest’anno la scadenza per la trasmissione telematica dei modelli sarà la seguente:
    – 7 marzo per la trasmissione telematica della CU;
    – 31 marzo (3 aprile per il 2018) per la consegna della CU ai lavoratori dipendenti;
    – 31 ottobre per la dichiarazione 770 unificata.

     

    LA PENSIONE DELLE CASALINGHE

    Il Fondo pensione per le casalinghe garantisce la possibilità di ottenere una pensione di vecchiaia o di inabilità per uomini e donne che si dedicano alla cura della casa e della famiglia a tempo pieno senza essere retribuiti.
    Il Fondo, che è facoltativo, comporta il versamento all’Inps di un contributo mensile minimo di euro 25,82 per ottenere un analogo periodo di contribuzione.
    L’interessato, se lo ritiene, può effettuare versamenti anche superiori al minimo obbligatorio.
    Lo Studio è a disposizione per ulteriori approfondimenti in merito ai requisiti per iscriversi e, soprattutto, sulle prestazioni conseguenti ai versamenti eseguiti.

     Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • FEBBRAIO 2018 – SCHEDA CARBURANTE, ENASARCO: ALIQUOTE E MASSIMALI 2018 E COME VERSARE IL SALDO IVA 2017

    20 febbraio 2018

    SCHEDA CARBURANTE

    A partire dal 1° luglio 2018, la legge di Bilancio stabilisce l’abbandono della Scheda Carburante usata da imprese e professionisti titolari di Partita Iva per attestare gli acquisti effettuati presso i distributori.
    Per ottenere la detrazione Iva e la deduzione fiscale il pagamento dei rifornimenti deve essere effettuato mediante carte di credito, bancomat o carte pre-pagate.
    Il cedente ha l’obbligo di emettere fattura elettronica.
    I rifornimenti potranno comunque essere saldati in contanti ma, in tal caso, sarà esclusa la possibilità di detrarre l’Iva e dedurre il costo dal proprio reddito.

    ENASARCO: ALIQUOTE E MASSIMALI 2018

    A partire dal 1° gennaio 2018, l’aliquota contributiva da applicare sulle provvigioni passa dal 15,55% al 16,00% (di cui la metà pari all’8% a carico della Ditta mandante).
    I massimali Enasarco rimangono ancora i seguenti:
    Massimale Enasarco Monomandatario 37.500,00 euro;
    Massimale Enasarco Plurimandatario 25.000,00 euro.
    In attesa che la Fondazione Enasarco provveda alla rivalutazione secondo le norme ISTAT.

    COME VERSARE IL SALDO IVA 2017

    • Unica soluzione entro il 16 marzo 2018 senza maggiorazioni
    • Rateizzazione dell’importo in numero massimo di nove rate mensili, maggiorando ogni rata dello 0.33%, entro il giorno 16 di ogni mese (il numero di rate è a scelta del contribuente).
    • In unica soluzione al 30 giugno 2018 (con l’UNICO), con la maggiorazione dello 0,40% mensile.
    • Rateizzazione dell’importo in numero massimo di sei rate, sempre maggiorando ogni rata dello 0.33% mensile, seguendo le scadenze dell’UNICO.
     Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • GENNAIO 2018 – INTRASTAT 2018, COMUNICAZIONE SPESE SANITARIE, SCADENZE FISCALI FEBBRAIO 2018 E LEGGE DI BILANCIO 2018

    25 gennaio 2018

    INTRASTAT 2018: SEMPLIFICAZIONI PER VENDITE E ACQUISTI INTRACOMUNITARI

    L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento che prevede significative semplificazioni degli obblighi comunicativi inerenti le vendite e gli acquisti con l’Estero. Le principali misure previste sono:
    – abolizione dei modelli INTRA trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi;
    – valenza esclusivamente statistica dei modelli INTRA mensili relativi agli acquisti di beni e servizi;
    – per i soggetti obbligati a presentare gli elenchi relativi agli acquisti di beni e servizi con periodicità mensile, innalzamento della soglia dell’ammontare delle operazioni da 50.000,00 euro a 200.000,00 euro trimestrali per gli acquisti di beni e a 100.000,00 euro trimestrali per gli acquisti di servizi;
    – mantenimento dei modelli INTRA esistenti per le cessioni di beni e servizi con la soglia che rimane invariata a 50.000,00 euro.
    Tale intervento determina una sensibile riduzione del numero dei contribuenti coinvolti dall’obbligo di comunicazione degli elenchi riepilogativi.

    COMUNICAZIONE SPESE SANITARIE DA PARTE DI MEDICI E STRUTTURE SANITARIE

    Entro il 31 gennaio 2018 bisogna comunicare le spese mediche al “Sistema Tessera Sanitaria” per l’anno d’imposta 2017.
    L’obbligo di comunicare i dati delle spese sanitarie è stato introdotto per permettere all’Agenzia delle Entrate di elaborare le dichiarazioni dei redditi precompilate (730 e UNICO PF).
    Sono obbligati a tale adempimento tutti gli appartenenti al settore Sanitario (medici e strutture varie).

    SCADENZE FISCALI FEBBRAIO 2018 PER TITOLARI DI PARTITA IVA

    consulenti-lavoro-torino

    A febbraio 2018 gli appuntamenti fiscali più importanti che riguardano soprattutto i titolari di Partita IVA sono:
    – comunicazione periodica dati liquidazione IVA mensile o trimestrale;
    – invio dati fatture emesse e ricevute relative al II semestre 2017 (Spesometro).

     

    LEGGE DI BILANCIO 2018 (Legge 205/2017) – PRIMA PARTE

    La Legge di Bilancio per il 2018 contiene disposizioni varie inerenti le detrazioni fiscali.
    Le più importanti sono:
    1) INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA: Proroga del termine al 31 dicembre 2018 con mantenimento della misura del 65%;
    2) BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI: Proroga al 31 dicembre 2018 della detrazione al 50% per le spese relative all’acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+. Tale spesa deve essere in connessione agli interventi di ristrutturazione edilizia;
    3) BONUS VERDE AL 36%: Nuova detrazione IRPEF del 36% su una spesa massima di euro 5.000,00 per unità immobiliari a uso abitativo e pertinenze sulle quali siano stati realizzati interventi di sistemazione al verde di aree private;
    4) INCENTIVI PER ABBONAMENTI AL TRASPORTO PUBBLICO: È concessa la detrazione al 19% per la spesa per l’acquisto di abbonamenti per un importo non superiore a 250,00 euro.

     Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.
    Continua a leggere
  • GENNAIO 2018 (3) – DENUNCIA LAVORATORI SOMMINISTRATI, ASSICURAZIONE INFORTUNI DOMESTICI, STIPENDI E COMPENSI – TRACCIABILITÀ OBBLIGATORIA E CONGEDO OBBLIGATORIO PER IL PADRE LAVORATORE

    18 gennaio 2018

     DENUNCIA LAVORATORI SOMMINISTRATI

     I datori di lavoro che hanno utilizzato lavoratori somministrati nel 2017 da  Agenzie abilitate sono tenuti a comunicare, entro il 31 gennaio 2018, i seguenti dati:
    – il numero di contratti di somministrazione conclusi;
    – la durata di tali contratti;
    – il numero e la qualifica dei lavoratori interessati.
    La comunicazione va trasmessa alle rappresentanze sindacali aziendali ovvero alla rappresentanza sindacale unitaria o, in mancanza, agli Organismi territoriali di categoria delle associazioni sindacali comparativamente più
    rappresentative sul piano nazionale. Normalmente sono le agenzie a fornire i dati consuntivi ma, qualora non si riceva nulla, è consigliabile sollecitarli o provvedere autonomamente attraverso l’apposito prospetto.
    Per il mancato o non corretto adempimento dell’obbligo di comunicazione è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria pari ad un importo variabile da euro 250 ad euro 1.250.

    ASSICURAZIONE INFORTUNI DOMESTICI

    Entro il 31 gennaio 2018 tutte le persone di età compresa tra 18 e i 65 anni che si occupano della cura dei componenti della famiglia, in modo abituale ed esclusivo senza vincolo di subordinazione, devono versare il premio annuale di euro 12,91. La legge n. 296 del 27 dicembre 2006 abbassa dal 33% al 27% la soglia di invalidità riconosciuta per gli infortuni occorsi a partire dal 1° gennaio 2007.

    STIPENDI E COMPENSI – TRACCIABILITÀ OBBLIGATORIA

    Con alcune disposizioni inserite nella legge di stabilità 2018, è stata stabilita la piena tracciabilità delle retribuzioni e dei compensi per qualsiasi prestazione lavorativa sia subordinata che autonoma.
    Questo comporta l’assoluto divieto di corrispondere la retribuzione, ivi compresi gli anticipi, attraverso denaro contante direttamente al lavoratore.
    L’entrata in vigore della disposizione è dal 1° luglio 2018.

    CONGEDO OBBLIGATORIO PER IL PADRE LAVORATORE

    consulenti-lavoro-torino

    Anche per l’anno 2018 è stato prorogato l’obbligo di usufruire del congedo obbligatorio per il padre lavoratore dipendente entro cinque mesi dalla nascita del figlio. La durata del congedo, che per il 2017 era di due giorni lavorativi, è stata estesa a quattro giornate da fruire anche in modo non continuativo. Inoltre, il padre lavoratore può astenersi per un periodo ulteriore di un giorno, in sostituzione e in accordo con la madre, in relazione al periodo di astensione obbligatoria ad essa spettante.

     
     Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • GENNAIO 2018 (2) – VIDEOSORVEGLIANZA E LAVORATORI DOMESTICI, OBBLIGATORIETÀ CONTRATTUALE CASS.SA.COLF E DOMESTICI – VITTO E ALLOGGIO

    15 gennaio 2018

     VIDEOSORVEGLIANZA E LAVORATORI DOMESTICI

     Come è noto, lo “Statuto dei Lavoratori” pone dei vincoli all’installazione di impianti di videosorveglianza sui luoghi di lavoro, che devono essere preventivamente autorizzati dall’Ispettorato del Lavoro o dalla sottoscrizione di un accordo sindacale. Tale limitazione non è prevista nel contesto del lavoro domestico. Il parere in tal senso è stato deliberato con una nota dell’Ispettorato del Lavoro che conferma tuttavia il necessario rispetto della disciplina sul trattamento dei dati personali, a beneficio della tutela del diritto del lavoratore alla riservatezza. Pertanto, l’installazione delle telecamere, nel caso di lavoro domestico, prevede la necessità del consenso preventivo e dell’obbligo informativo degli interessati.

    OBBLIGATORIETÀ CONTRATTUALE CASS.SA.COLF

     Allo scopo di gestire i trattamenti assistenziali e assicurativi integrativi, aggiuntivi e/o sostitutivi delle prestazioni previste dal servizio pubblico, le norme contrattuali che regolano il rapporto di lavoro per le colf stabiliscono l’obbligatorietà dell’iscrizione dei lavoratori alla CASS.SA.COLF. La cassa garantisce, a favore dei lavoratori, indennità giornaliere in caso di ricovero e di successiva convalescenza. La contribuzione da versarsi, a cura del datore di lavoro, è calcolata nella misura di € 0,03 per ciascuna ora lavorata di cui € 0,01 a carico del lavoratore.

    DOMESTICI – VITTO E ALLOGGIO

     Il lavoratore domestico convivente con la famiglia ha diritto – a carico del datore di lavoro – a una sistemazione alloggiativa idonea a salvaguardarne la dignità e la riservatezza e a un’alimentazione sana e sufficiente. Gli effetti di tale corresponsione “in natura” si estendono alle quote di retribuzione differita (tredicesima e trattamento di fine rapporto – TFR) e al compenso per il periodo di ferie annuali per i quali il trattamento andrà corrisposto sulla base dei valori convenzionali stabiliti e rivalutati di anno in anno con apposito decreto. 

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.
    Continua a leggere