• SICUREZZA SUL LAVORO E FORMAZIONE, EVENTI: ASPETTI FISCALI, PREVIDENZIALI E LEGALI DEL FORMATORE, VIDEOSORVEGLIANZA E CONTROLLO UTILIZZO EMAIL E INTERNET, IL PATTO DI NON CONCORRENZA, LICENZIAMENTI: SOSPETTO DI INCOSTITUZIONALITA’ PER IL JOBS ACT, EDILIZIA – RIDUZIONE CONTRIBUTIVA 2017, UNIONI CIVILI E ASSEGNI FAMILIARI IN CASO DI SCIOGLIMENTO E SPETTACOLO

    14 settembre 2017

    SICUREZZA SUL LAVORO E FORMAZIONE

    Il datore di lavoro ha l’obbligo di assicurare al lavoratore una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e salute, con particolare riferimento al posto di lavoro e alle proprie mansioni (art. 37 D.Lgs. 81/2008).
    Come sancito da varie sentenze, sempre confermate dalla Suprema Corte, il datore di lavoro che abbia violato tale obbligo destinando un lavoratore neo assunto allo svolgimento di una mansione o affidandogli una nuova mansione diversa da quella abituale senza fornirgli – contestualmente – un’informazione dettagliata e completa sui rischi connessi, è responsabile del delitto di lesioni colpose.
    I contenuti della formazione che deve essere svolta da formatori-docenti professionisti in possesso di specifici requisiti, sono definiti secondo le caratteristiche dell’azienda e del settore di appartenenza.

     

    EVENTI: ASPETTI FISCALI, PREVIDENZIALI E LEGALI DEL FORMATORE

    Lo Studio partecipa all’evento formativo presso la SAA – School of Management Torino di Via Ventimiglia, 115, a Torino, Giovedì 28 settembre dalle ore 17:00 alle ore 21:00; il relatore, tra gli altri, sarà il Consulente del Lavoro Simone Cogno anche socio AIF. Per chi desideri partecipare sono disponibili 10 posti gratuiti; per iscrizioni inviare una mail a piemonte@associazioneitalianaformatori.it

     

    VIDEOSORVEGLIANZA E CONTROLLO UTILIZZO EMAIL E INTERNET 

    Audiovisivi e altre apparecchiature per il controllo a distanza dei lavoratori possono essere utilizzati solo per esigenze organizzative e produttive, sicurezza del lavoro e tutela del patrimonio aziendale, previo accordo con le rappresentanze sindacali o previo ottenimento di autorizzazzione dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro. Stesso discorso vale per il controllo di interner, posta elettronica e telefono dei propri dipendenti.

    IL PATTO DI NON CONCORRENZA

    In molti casi i lavoratori dipendenti, specialmente se specializzati o addetti a funzioni dirigenziali, vengono a conoscenza di dati, fatti o procedure di estrema importanza per l’attività svolta dal datore di lavoro, che, in quanto tali, devono essere trattati con la massima riservatezza. Se, in costanza di rapporto il lavoratore è tenuto a rispettare l’obbligo di fedeltà imposto dal Codice Civile e dallo Statuto dei Lavoratori, dopo la cessazione l’unica tutela garantita al datore di lavoro è quella prevista dal Patto di non concorrenza.
    Questo istituto è un patto – redatto per iscritto – nel quale il datore di lavoro, per proteggersi da un’eventuale attività di concorrenza da parte dell’ex dipendente, può limitare l’attività professionale di quest’ultimo, successiva alla cessazione del rapporto di lavoro.
    E’ necessario che il patto preveda un compenso volto a remunerare la limitazione apposta.

     

    LICENZIAMENTI: SOSPETTO DI INCOSTITUZIONALITA’ PER IL JOBS ACT

    Il tribunale di Roma ha rimesso alla Corte Costituzionale la questione di legittimità della normativa sui licenziamenti istituita dal Jobs Act sostenendo che discrimina i lavoratori fra neo assunti e veterani d’azienda.

     

     

     

     

    EDILIZIA – RIDUZIONE CONTRIBUTIVA 2017

    Entro il 15 gennaio 2018 le aziende edili possono inoltrare le istanze all’Inps per godere della riduzione contributiva del 11,50% per i periodi di paga da gennaio a dicembre 2017 per i soli operai con orario di lavoro di 40 ore settimanali. Il beneficio potrà essere fruito entro il 16 gennaio 2018 avvalendosi delle denunce contributive Uniemens fino al mese di dicembre 2017.Le domande devono essere inviate esclusivamente in via telematica attraverso le modalità previste dal sito istituzionale dell’Inps   www.inps.it.I datori di lavoro interessati sono identificati con apposito codice ATECO e CSC e per poter fruire dell’agevolazione gli stessi devono essere in possesso di DURC REGOLARE e non devono aver riportato condanne per violazioni in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro nel quinquennio precedente la data di applicazione dell’agevolazione.

    Circolare numero 129 del 01-09-2017

     

    UNIONI CIVILI E ASSEGNI FAMILIARI IN CASO DI SCIOGLIMENTO

    Il figlio che faceva parte di un’unione civile, una volta dichiarato lo scioglimento, resta affidato a uno dei due partners: ai fini dell’assegno familiare, come per la disciplina degli ex coniugi, occorre chiedere all’Inps l’autorizzazione.

    Messaggio INPS 3179 del 01-08-2017

     

     

    SPETTACOLO

    Con la pubblicazione della circolare 124/2017  e quindi da 09/2017,  l’Inps provvederà automaticamente alla riqualificazione delle matricole delle aziende dello spettacolo in applicazione del contributo di malattia a favore di tutti i lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni lavoratori (ex Enpals), a prescindere dalla natura del rapporto di lavoro e dal tipo di qualifica rivestita e dal settore in cui opera l’impresa; sono esclusi alcuni settori di attività e gli sportivi professionisti.

    Circolare numero 124 del 03-08-2017

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • INCENTIVO OCCUPAZIONE GIOVANI, INDUSTRIA METALMECCANICA – FONDO METASALUTE, CCNL COMMERCIO – EROGAZIONE AUMENTO CONTRATTUALE, GESTIONE SEPARATA E MODELLO 770 PROROGA

    31 luglio 2017

    INCENTIVO OCCUPAZIONE GIOVANI

    Alla data odierna sono ancora disponibili fondi relativi allo stanziamento per il 2017, per le domande delle aziende interessate.

    L’incentivo Occupazione Giovani ha il fine di favorire l’assunzione dei giovani 16-29enni non occupati e non impegnati in percorsi di formazione e di istruzione che hanno aderito al programma “Garanzia Giovani”.

    L’incentivo si sostanzia in uno sgravio contributivo di cui possono usufruire i datori di lavoro per le assunzioni a tempo indeterminato, apprendistato o a termine di almeno sei mesi. L’importo massimo relativo ai contratti a tempo indeterminato è di € 8.060 per assunto.

     

    INDUSTRIA METALMECCANICA – FONDO METASALUTE

    Come previsto dall’ultimo rinnovo contrattuale, con decorrenza dal 1 ottobre 2017 tutti i dipendenti, non in prova, dovranno essere iscritti al fondo di assistenza sanitaria “mètaSalute”.

    I dipendenti che non vogliono aderire al Fondo dovranno comunicare alla propria azienda tale volontà tramite apposita rinuncia scritta.

    La contribuzione al Fondo – totalmente a carico dell’azienda – è di € 156,00 annui, suddivisi in 12 quote mensili da 13 € cadauna.

     

    CCNL COMMERCIO – EROGAZIONE AUMENTO CONTRATTUALE

    consulenti-lavoro-torino

    Con la retribuzione del mese di agosto dovrà essere erogata la tranche di aumento prevista dal CCNL 30 marzo 2015.

    Continua a restare in sospeso la tranche originariamente prevista al mese di novembre 2016.

    Allegato

     GESTIONE SEPARATA

    Aumento aliquota contributiva da 32,72% a 33,23% per i soggetti privi di altra copertura previdenziale obbligatoria, non pensionati e non titolari di partita iva per compensi derivanti da attività di amministratore, sindaco o revisore di società, tutte le collaborazioni coordinate e continuative, dottorato di ricerca, assegno o borsa di studio.

    Circolare numero 122 del 28-07-2017

     MODELLO 770

    Con la pubblicazione del Dpcm in GU il 28 luglio u.s. è ufficiale la proroga del modello 770 al 31 ottobre.

     

    Allegato

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

    Continua a leggere
  • PRESTAZIONI DI LAVORO OCCAZIONALE, INAIL – AZIONE DI REGRESSO E SMART WORKING

    11 luglio 2017
     PRESTAZIONI DI LAVORO OCCASIONALE

     

    Art. 54 bis legge 21 giugno 2017 n.96 – sono strumenti che possono essere utilizzati dai soggetti che vogliano intraprendere attività lavorative saltuarie e di ridotta entità  (subentrano ai “voucher” recentemente aboliti). I limiti economici, tutti riferiti all’anno civile di svolgimento della prestazione lavorativa sono:

     

    • per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
    • per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
    • per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore a 2.500 euro.

    Per imprese, professionisti e lavoratori autonomi questa forma di lavoro occasionale assume la denominazione di “contratto di prestazione occasionale” ed è  precluso agli utilizzatori che hanno alle proprie dipendenze più di cinque lavoratori subordinati a tempo indeterminato, alle imprese dell’edilizia e di settori affini, alle imprese esercenti l’attività di escavazione o lavorazione del materiale lapideo, alle imprese del settore delle miniere, cave, torbiere; nonché nell’ambito dell’esecuzione di appalti e servizi.

    L’utilizzatore e il prestatore hanno l’obbligo della registrazione in un’apposita piattaforma informatica INPS che supporta, previo accredito di idonea provvista, le operazioni di erogazione dei compensi ed altre modalità operative.

    Le persone fisiche che non esercitano attività professionale o d’impresa possono utilizzare questa forma di lavoro attraverso il “libretto famiglia” per le sole seguenti attività:

    • piccoli lavori domestici, inclusi i lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione;
    • assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
    • insegnamento privato supplementare.

    Per usufruire del libretto famiglia sia l’utilizzatore che il prestatore devono accedere e registrarsi alla piattaforma tramite il servizio online dedicato sul portale INPS.

     

     INAIL – AZIONE DI REGRESSO CONTRO IL DATORE DI LAVORO

    In tema di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro l’INAIL può esercitare l’azione di regresso contro l’azienda, anche se non è definitiva la condanna penale per le responsabilità del datore di lavoro e del responsabile della sicurezza nei fatti da cui l’infortunio è derivato.

    E’ quanto emerge dalla sentenza n. 11312/17 del 9 maggio 2017 (sez. lavoro).

     

    SMART WORKING – il lavoro diventa agile

    Sono in costante aumento le aziende che offrono ai propri dipendenti la possibilità di lavorare al di fuori dell’azienda, lasciando il lavoratore libero di scegliere il luogo da cui svolgere la propria attività. Lo smart working, che verifica la produttività sulla base del raggiungimento degli obiettivi prefissati, per questa sua natura “agile” consente alle aziende di risparmiare sui costi legati a una postazione lavorativa fissa e ai lavoratori di gestire autonomamente la propria attività con l’auspicio di un miglioramento della qualità di vita e, di conseguenza, del lavoro. L’esperienza dello smart working interessa oggi il 7% dei lavoratori italiani e, considerando il grado di soddisfazione di aziende e dipendenti, è verosimile credere che questo dato sia destinato ad aumentare rapidamente.

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • MAGGIO 2017 (2) – MODELLI F24, FERIE NON GODUTE ED ASSEGNI FAMILIARI

    25 maggio 2017
    MODELLI F24
    L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che sono esclusi dall’obbligo di utilizzo dei canali telematici:

    • Il bonus Renzi identificato al codice 1655;
    • I crediti rimborsati ai lavoratori a seguito assistenza fiscale mod. 730.

    E’ pertanto possibile (in presenza delle casistiche di cui sopra), effettuare il versamento dell’F24 con saldo a debito con consueto servizio home banking, SENZA PASSARE per i servizi telematici Entratel e Fisconline, come invece precedentemente era stato prospettato nell’ottica di contrastare le indebite compensazioni di importi a credito.

     

     FERIE NON GODUTE

    Per le ferie maturate nell’anno 2015 e non fruite entro il mese di giugno p.v., i datori di lavoro sono comunque tenuti a versare la contribuzione Inps entro la scadenza del mese di agosto.
    Si ribadisce che le ferie sono un diritto irrinunciabile del lavoratore per quattro settimane in ragione d’anno da fruire, con un minimo di due settimane consecutive nell’anno di maturazione e le restanti due entro i diciotto mesi successivi. Eventuale indennità sostitutiva per ferie non godute potrà essere corrisposta solo in caso di risoluzione del rapporto di lavoro.

     

    ASSEGNI FAMILIARI

    Per la decorrenza 01 luglio 2017 – 30 giugno 2018 l’Inps comunica che gli assegni non subiranno ritocchi rispetto al 2016. Ricordiamo che la Legge 20 maggio 2016 ha disciplinato le unioni civili tra persone dello stesso sesso e le convivenze di fatto; viene quindi esteso il diritto di includere il partner con modalità analoghe a quelle sinora previste per i coniugi ai fini della percezione degli assegni familiari.

     

    Circolare numero 87 del 18-05-2017

    Circolare numero 87 del 18-05-2017_Allegato n 1

     

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

     

    Continua a leggere
  • MAGGIO 2017 – MALATTIA, FERIE COLLETTIVE E C.C.N.L. METALMECCANICI INDUSTRIA

    18 maggio 2017
    MALATTIA
    consulenti-lavoro-torino

    In presenza di un certificato di malattia ancora in corso di prognosi, non si può consentire al dipendente la ripresa anticipata dell’attività. Con una recente circolare l’Inps ha comunicato che a seguito di visita di controllo, al lavoratore verrà applicata la sanzione per assenza ingiustificata qualora emerga che non è stata comunicata la ripresa del lavoro anticipata (il lavoratore precocemente guarito si deve recare dal medico curante per la chiusura della malattia prima di presentarsi in azienda). Inoltre costituisce illecito disciplinare il comportamento dei medici che rilascino ancora il certificato in forma cartacea anziché il certificato telematico previsto.

    Circolare numero 79 del 02-05-2017

    FERIE COLLETTIVE

    Le aziende che non potranno provvedere nei termini di legge previsti per gli adempimenti contributivi in conseguenza della chiusura aziendale per ferie collettive, devono presentare ENTRO IL 31 MAGGIO p.v., in via telematica, la richiesta di differimento del termine sia del versamento dei contributi che della presentazione del flusso uniemens.

    C.C.N.L. METALMECCANICI INDUSTRIA
    consulenti-lavoro-torinodecorrere dal 1 giugno 2017 le aziende attiveranno a beneficio di tutti i lavoratori dei piani di “welfare aziendale” per un valore di:

    • € 100 a decorrere dal 1 giugno 2017;
    • € 150 a decorrere dal 1 giugno 2018;
    • € 200 a decorrere dal 1 giugno 2019.
    • Pertanto, per l’anno 2017 le aziende dovranno mettere a disposizione uno strumento di welfare (es. buoni carburante, buoni acquisto beni e servizi, ecc.) a favore dei lavoratori assunti e in forza dal 1 giugno al 31 dicembre 2017.
      I lavoratori potranno utilizzare tali benefici nel periodo dal 1 giugno 2017 al 31 maggio 2018.

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

     

    Continua a leggere